Pubblicato in 18 June 2019

Guerra commerciale: Cosa aspettarsi da vertice del G20

Crescenti tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina come entrambi i paesi hanno alzato  le tariffe sulle reciproche merci ha portato ad ansia anticipatoria del prossimo  G20 summit. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping si prevede di incontrarsi per discutere la disputa commerciale, dividendo i loro paesi a parte qualche momento durante l’evento, che è impostato per avvenire in Giappone alla fine del mese di giugno.

Mentre i mercati sono attualmente  valutando in un risultato positivo che potrebbe aiutare a colmare il divario apparentemente crescente tra due economie più grandi del mondo, è possibile che i colloqui commerciali assumono un percorso più preoccupante che porta a tensioni crescenti e guida l’economia americana in recessione, secondo Morgan Stanley. La mediazione chiamato il vertice “un bivio per tensioni commerciali.”

Cosa significa per gli investitori

Il vertice del G20 presenta la prima opportunità che Trump e Xi saranno in grado di soddisfare in quanto il pugno di Stati Uniti ha annunciato l’aumento delle tariffe dal 10% al 25% su $ 200 miliardi di beni cinesi, una mossa a cui la Cina ha reagito con una propria serie di tariffe sui merci statunitensi. Trump ha messo in chiaro che è pronto a schiaffeggiare le tariffe sul rimanenti $ 300 miliardi di beni cinesi, se non viene raggiunto un accordo commerciale.

analisti di Morgan Stanley prevedono tre possibili “percorsi” -in linea con la loro forcella-in-the-road-analogia che potrebbero emergere dal potenziale riunione: 1) lavorare verso un accordo, ritardando rischi economici chiave; 2) una pausa incerta che può in un primo momento lenire, ma in seguito deludere, gli investitori; e 3) escalation di tensioni commerciali che portano a chiare inconvenienti fondamentali.

Se i due paesi seguono il primo percorso, gli analisti si aspettano una risoluzione subito dopo il vertice, con il rallentamento della crescita dal 2,75% del primo del 2019 al 1,9% nel secondo semestre. Seguendo il secondo percorso, l’incertezza si soffermerà per 3-4 mesi, mentre la crescita rallenta al 1,7% nella seconda metà dell’anno, se la  Federal Reserve non interviene con tagli dei tassi di interesse o al 1,8% se si tagliano i tassi. 

Prendendo il terzo percorso porterà a tariffe 25% essendo schiaffeggiato sul restante $ 300 miliardi  importazioni dalla Cina, con rallentamento della crescita a 1% nella seconda metà del 2019 e -0,3% nel 2020 nonostante i tassi di essere tagliati fino a zero sulla i timori di una imminente  recessione .

Guardando avanti

Anche se è improbabile che qualsiasi accordo commerciale è risolta al vertice, è previsto un incontro tra dei paesi due leader a muoversi nella direzione di un accordo eventuale. Tuttavia, nessuna conferma ufficiale è ancora giunta dalla Cina che i due leader hanno effettivamente deciso di incontrarsi. 

Inoltre, Trump è diventato  rinomato per semplicemente allontanarsi dai colloqui che non stavano andando in suo favore, come ad esempio durante il suo vertice con Kim Jong-un in Vietnam e durante i negoziati con i democratici oltre finanziamento muro di confine. Se Trump cammina di nuovo, è probabile che il terzo percorso che i due paesi prenderanno al ‘bivio’ del G20.