Pubblicato in 12 March 2019

Turmoil turca di venerdì, ha spiegato

Il crollo della lira turca sta causando i mercati finanziari globali per rabbrividire. La lira è sceso del 14% il Venerdì, l’estensione di una perdita di quasi un terzo del suo valore quest’anno, come i rapporti con gli Stati Uniti sono diventati sempre più tese. Le preoccupazioni più stretto controllo del presidente turco Erdogan sulla politica monetaria del paese, non è riuscito l’intenzione di rilasciare un cittadino americano detenuto in Turchia, e cambiamenti nel potere globale hanno indotto la continua tuffo della moneta turca.

Per capire come tutti questi pezzi si incastrano, inizieremo con alcuni fatti di base circa il commercio tra gli Stati Uniti e la Turchia.

US-Turchia commerciale

Nel 2017, $ 19 miliardi di beni sono stati scambiati tra gli Stati Uniti e la Turchia. Gli Stati Uniti hanno esportato $ 9,75 miliardi di beni per lo più di cotone, rottami di ferro, acciaio, parti di aeromobili civili, carbone, petrolio e gas-Turchia, e importato $ 9.42 miliardi di beni da loro. Nello stesso anno, la Turchia si è classificata 31 tra noi di trading partner . Secondo i dati forniti dal governo turco , per il periodo del 2002 a ottobre 2017, gli investimenti diretti turchi negli Stati Uniti ha raggiunto $ 3.7 miliardi, mentre gli investimenti degli Stati Uniti in Turchia sono stati pari a $ 11.1 miliardi di dollari, secondo solo a Paesi Bassi $ 21,6 miliardi di dollari.

Detenuto evangelica leader

Mentre i numeri raccontano una storia, le relazioni commerciali e la politica dicono un’altra. Le relazioni tra gli Stati Uniti e la Turchia sono state indebolendo per diversi motivi. Per uno, il 2016 detenzione di un pastore evangelico americano di nome Andrew Brunson, ha aggravato le tensioni. Brunson è stato tra i molti cittadini stranieri detenuti dal presidente turco Erdogan a seguito di un fallito tentativo di colpo di stato 2016. Il pastore è stato accusato di sostenere il terrorismo ; il pastore nega ogni coinvolgimento.

In risposta, il presidente Trump ha scritto su Twitter nel mese di luglio, “Gli Stati Uniti imporrà grandi sanzioni contro la Turchia per la loro detenzione di lunga data di Pastore Andrew Brunson, un grande cristiano, padre di famiglia e meraviglioso essere umano. Egli sta soffrendo enormemente. Questo uomo innocente di fede deve essere rilasciato immediatamente!”Dopo il tweet, la Turchia ha risposto imponendo dazi sui $ 1,8 miliardi di merci statunitensi tra cui il carbone e carta. All’inizio di agosto, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha sancito ministri della Turchia della Giustizia e dell’Interno a causa della detenzione di Brunson.

La prospettiva di un accordo per il rilascio di Brunson è apparso in alto funzionari turchi sono recati a Washington questa settimana, ma l’accordo a quanto pare è crollato nel corso dell’ultimo minuto richieste turche. Ciò ha indotto un altro tweet da presidente Trump, questa volta annunciando l’effettiva autorizzazione del raddoppio delle tariffe sulle acciaio e alluminio per la Turchia. Alluminio turca sarà ora tassati al 50% e in acciaio al 20%, essenzialmente prezzi metalli turchi fuori dei mercati degli Stati Uniti.

indebolimento Relationship

Queste tensioni e le tariffe indicano un deterioramento del rapporto USA-turca, un deterioramento aggravata dalla Turchia peggioramento della situazione dei diritti umani  e una maggiore cooperazione con la Russia e l’Iran in Siria. Con grande l’opposizione dei membri del Congresso su entrambi i lati della navata e gli altri Stati nazioni della NATO, la Turchia ha annunciato l’intenzione di acquisire un sistema di difesa missilistico russo.

Venerdì scorso, come la lira immerso e gli Stati Uniti imposto le sanzioni più elevate sulla Turchia, Erdogan e il presidente russo Vladimir Putin ha parlato al telefono. Secondo una fonte nell’ufficio di Erdogan, i due dicono che sono contenti con la direzione positiva nei loro legami economici e commerciali e con la cooperazione in corso nei settori dell’energia e della difesa.

Rigetto del presidente Trump dell’accordo nucleare dell’Iran è un punto di contesa, così, come  quasi la metà delle importazioni di petrolio della Turchia provengono dall’Iran, che significa nuove sanzioni contro l’Iran ritornano e danneggiare l’economia turca pure.

L’aumento autoritarismo

Il deterioramento delle relazioni degli Stati Uniti con la Turchia è stato anche alimentato dai timori del Congresso di tendenze autoritarie da parte del Presidente turco. Questa preoccupazione per il presidente della Turchia è stato anche un altro componente chiave della caduta di lire di Venerdì. Erdogan ha servito da sindaco di Istanbul 1994-1998, prima di servire come il primo ministro della Turchia dal 2003 al 2014. Dal 2014 fino ad oggi, ha servito come presidente della Turchia e nel mese di aprile del 2017, ha  dichiarato lo stesso vincitore di un referendum nazionale che gli concesse una vasta gamma di nuovi poteri. il referendumgli ha dato ampio controllo sul potere giudiziario, ampi poteri per rendere decreto legge, l’abolizione dell’ufficio del primo ministro e del sistema parlamentare. A quel tempo, molti hanno sostenuto che si era essenzialmente dittatore della Turchia fatto perché, secondo le nuove regole, sarà ora in grado di funzionare per due ulteriori termini quinquennali.

Erdogan è un auto-descritto “nemico dei tassi di interesse” ed è stato sostenendo per abbassare i tassi per gli anni a rendere più facile per le piccole e medie imprese turche a prendere in prestito e crescere. Negli ultimi dieci anni, il presidente ha muscoloso maggiore controllo sull’economia turca e ha fatto recenti dichiarazioni che indicano che lui vuole di più per esempio sulla politica monetaria del paese. Ma, molti esperti sostengono che è il suo controllo dell’economia che ha spinto un tasso di cambio più elevato da banche estere. I tassi di cambio ottengono maggiore, come la fiducia nella gestione dell’economia turca scompare.

Gli investitori stranieri stanno guardando avanti con la paura a queste nuove politiche economiche e del crescente autoritarismo in Turchia. Il calo della lira il Venerdì ha contribuito al calo dei mercati azionari di tutto il mondo, ed erano ancora un altro esempio di come anche le economie di medie dimensioni in grado di minacciare la stabilità finanziaria del mercato globale.